Dopo la strage la polizia vieta i fuochi: chi spara sarà arrestato

Dopo la strage la polizia vieta i fuochi: chi spara sarà arrestato

Stop ai fuochi d’artificio, i dirigenti del commissariato emanano un divieto per la città di Giugliano. Stop ai botti per motivi di ordine pubblico. Coinvolti quindi, e di conseguenza, anche i festeggiamenti per la Madonna della Pace. Si rischia dalla denuncia all’arresto. La decisione a margine della tragedia che ha colpito la fabbrica di fuochi pirotecnici di Giugliano ma soprattutto per motivi di ordine pubblico.

Quest’anno quindi il carro trionfale non sarà accolto dai tradizionali botti e fuochi d’artificio ma soltanto dai canti e dalla devozione dei fedeli. Una decisione quasi d’obbligo dato quello che è accaduto solo qualche giorno fa e di profondo rispetto verso le famiglie che hanno perso i loro cari.

Altri cambiamenti relativi ai festeggiamenti riguardano il posizionamento delle bancarelle. E’ probabile, ma è tutto ancora da verificare, che i venditori verranno posizionati in un’area apposita e non lungo il corso Campano. Il restringimento della carreggiata e i lavori appena finiti renderebbero infatti lo stazionamento dei commercianti complicato a danno poi del passaggio del carro trionfale. Il piano è sotto il controllo dei vigili urbani che stanno tentando di trovare la soluzione migliore.