Il Napoli c’è, l’arbitro no. La qualificazione si gioca a Kiev

Il Napoli c’è, l’arbitro no. La qualificazione si gioca a Kiev
E’ stata una beffa ma la qualificazione non è a rischio.Napoli-Dnipro finisce 1-1 tra le polemiche per un gol in fuorigioco degli ucraini segnato nell’unica azione offensiva di tutta la partita. Gli azzurri sprecano tanto, trovano un super portiere, ma hanno dimostrato una superiorità notevole.
In un San Paolo che si veste a festa con due coreografie molto belle delle curve il Napoli imposta e domina i bianco azzurri, il Dnipro si difende in 10 lasciando solo Kalinic in attacco come spauracchio per la difesa ma il primo tempo, tralasciando il tiro di Insigne che si stampa sul palo, è davvero poca roba.
Nella ripresa saltano gli schemi, David Lopez si avventura coraggiosamente in avanti e dopo alcuni attacchi viene premiato con un gol da calcio d’angolo: Insigne dalla bandierina per lo spagnolo che stacca di testa piu in alto di tutti e sigla l’1-0 che fa esplodere il San Paolo.
I jeansati dopo la rete mollano un po’ la presa ma continuano comunque ad attaccare e solo un super Byoko, per fortuna e bravura, nega ai partenopei un risultato piu rotondo. Poi il crollo: difesa sguarnita, cross di Fedetsky e rete di Seleznyov appena subentrato a Kalinic. Ce ne sono due in fuorigioco, di 2 metri, ma nessuna  segnalazione arriva dagli arbitri ed il gol è convalidato.
Timida reazione del Napoli che sono sconvolti da quanto successo e si vede. Il Match si chiude così, 1-1 e tanta amarezza.