Incendio in Vico Cante: lo stabile è stato interdetto, il vicinato costretto a dormire in auto perché evacuato

Incendio in Vico Cante: lo stabile è stato interdetto, il vicinato costretto a dormire in auto perché evacuato

Questo è quello che rimane del terribile incendio divampato ieri in vico Cante. Mura nere, detriti e un odore nauseabondo. Due piani completamente divorati dal fumo. Le cause dell’incendio sono ancora d’accertare. Pare che l’inquilino abbia lasciato una stufa accesa troppo a lungo. Una piccola scintilla e poi lingue di fuoco che hanno in pochi secondi avvolto l’intero appartamento. Tutto completamente andato a fuoco. I Pompieri hanno utilizzato tre autobotti per domare le fiamme e sono stati impegnati sino a tarda sera. Adesso lo stabile è stato interdetto. Al piano di sotto della casa incendiata vi abita una famiglia che questa notte è stata costretta a dormire in auto perché evacuata.

 

Adesso lo stabile è pericolante. I residenti delle abitazioni circostanti sono ancora scossi e non si sentono più al sicuro. “Poteva essere una tragedia”, sostiene qualcuno. Pare che nonostante l’insistenza degli inquilini, in casa siano state ritrovate tre bombole di gas. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici dell’ENEL per staccare l’energia elettrica, quando un filo penzoloni ha iniziato a fare scintille.

Nello sconcerto e il momento concitato di ieri la donna che abitava l’appartamento ha tentato di gettarsi tra le fiamme per recuperare il proprio cagnolino che si è gettato dal balcone. I volontari dell ‘Associazione M.P.A.A. di Enrico Misto hanno soccorso l’animale. Questa mattina i padroni sono andati a riabbracciare il proprio cucciolo che dovrà essere sottoposto a degli impacchi speciali.

 

L’incendio di ieri ha fatto riaprire ferite e disagi di via Coppola a Giugliano. La strada da quasi un anno è stata transennata per un palazzo pericolante. I residenti delle abitazioni circostanti sostengono che ad essere pericolante sia la strada. Pare che l’asse viario sia vuoto nel sottosuolo e che le infiltrazioni d’acqua stiano via via deteriorando il manto stradale mettendo in pericolo non solo le abitazioni evacuate, ma l’intera strada. Se realmente così fosse, i mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco, con il loro pesante carico, avrebbero potuto far sprofondare la via. Ieri i residenti e gli ospiti delle case a ridosso dell’incendio sono rimasti bloccati per l’intera serata. Da un lato le transenne, dall’altro i mezzi dei soccorsi. La via è molto stretta ed angusta e anche i Vigili del Fuoco hanno trovato non poche difficoltà nello spegnere le fiamme e mettere tutti al sicuro.