Triscaidecafobia e venerdì 13, tra leggende e credenze

Triscaidecafobia e venerdì 13, tra leggende e credenze

Triscaidecafobia, si tratta dell’ irragionevole paura del numero 13. Questa fobia è legata principalmente alla cultura popolare e alla superstizione, sopratutto riguardanti venerdì 13. Come ogni credenza popolare, le origini di questa superstizione non sono note con certezza. Una legenda scandinava narra che esistevano 12 semidei, poi ne arrivò un tredicesimo il quale era crudele e malvagio con gli uomini. Altri fanno risalire la superstizione all’ultima cena, 12 persone a tavola,  la tredicesima era Giuda. Addirittura la convinzione che questo numero sia legato alla figa, sarebbe da ricondurre ad antiche concezioni astrologiche secondo la quale il 12 era un numero sacro poiché facilmente divisibile, il numero successivo,invece, era automaticamente un porte sfortuna.

Il 13, però, viene considerato anche numero fortunato in altre culture, così se da un lato c’è chi si concentra con scongiuri, dall’altro festeggia per questo giorno ben augurante.