Grumo Nevano, Tso per senzatetto: il caso finisce su “Chi l’ha visto?”

Grumo Nevano, Tso per senzatetto: il caso finisce su “Chi l’ha visto?”

Grumo Nevano. “Chi di Noi cittadini grumesi, – si legge in una nota dell’amministrazione comunale – nelle scorse settimane, non ha visto almeno per una volta aggirarsi per le via della città un senzatetto di origini polacche in gravi difficoltà di salute che ha sempre rifiutato costantemente aiuto?”

Ebbene nei giorni scorsi l’Amministrazione Comunale visti i continui rifiuti ad essere aiutato da parte della persona senza fissa dimora, che intanto in questi mesi aveva trovato riparo sotto un ponte nei pressi dell’Asse mediano, è stata costretta, viste anche le precarie condizioni di salute, a sottoporlo ad un T.S.O (trattamento sanitario obbligatorio), facendolo ricoverare presso l’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore. Si è poi adoperata per dare un nome al senzatetto, ancora senza identificazione, utilizzando tutti i mezzi a sua disposizione, contattando il Consolato ed interessando del caso anche la nota trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”.

Ed è proprio tramite questa, che attraverso un appello fatto lunedi 5 Febbraio dal comandante della Polizia Municipale Luigi Chiacchio, intervenendo telefonicamente in diretta durante la striscia quotidiana della trasmissione che si è creato un contatto con una signora di Udine, la quale visionata la foto della persona, ha riferito di conoscere i familiari e che si sarebbe attivata subito per favorirne un incontro, tramite la Polizia Municipale. “Avevamo il dovere civico e morale di intervenire per aiutare un essere umano in grosse difficoltà” ha dichiaro il Sindaco Carmine D’Aponte.