Gambizzato a Marano, il nome del ‘pistolero’ ed il possibile movente

Gambizzato a Marano, il nome del ‘pistolero’ ed il possibile movente

Marano. Contrasti tra ex soci in affari. E’ questa la prima ipotesi sul ferimento dell’uomo, incensurato classe ’67 di Marano, avvenuto oggi al Corso Europa a Marano nei pressi della rotonda Titanic al confine con Mugnano.

Il ferito è stato colpito ad un gamba ed è stato trasportato in aumbulanza all’ospedale San Giuliano di Giugliano. Le sue condizioni non sono gravi ma si sospetta una frattura e probabilmente dovrà essere operato. Il ‘pistolero’ dopo aver esploso il colpo di pistola si è rifugiato in un bar vicino ed è lì che è stato trovato dai carabinieri. I militari dell’Arma della Compagnia di Marano, diretti dal capitano Lo Conte, hanno così arrestato Pietro Paolo Serafino, incensurato classe ’74 di Mondragone. E’ accusato di tentato omicidio, porto abusivo di arma clandestina e ricettazione. Ritrovato un solo bossolo a terra. A quanto pare i due erano soci in affari ed alla base del gesto di oggi ci sarebbe una situazione debitoria da parte del ferito.