Giugliano, omicidio Luigi Maisto: ordinanza per i Mallardo. Parla il pentito Giuliano

Giugliano, omicidio Luigi Maisto: ordinanza per i Mallardo. Parla il pentito Giuliano

Ordinanze per Ciccio e Peppe Mallardo. A rivelarlo è il quotidiano Cronache di Napoli. A quarant’anni dal delitto di Luigi Maisto, figlio di Alfredo. Omicidio che avvenne nel 1979, il 22 ottobre. Giorno della faida tra i Mallardo emergenti e i Maisto alleati con il gruppo Sciorio. Indagati per quello stesso delitto anche Luigi e Guglielmo Giuliano, boss di Forcella, oggi pentiti.

L’agguato in piazza Matteotti pochi minuti dopo la mezzanotte. Luigi si trovava dinanzi al circoletto e cadde sotto il fuoco delle pistole. Rimasero feriti in quell’occasione anche Enrico Maisto, Luigi Panico e Francesco Ciccarelli. Subito dopo ai carabinieri giunse la notizia di un repentino allontanamento dal zona di una fiat 125. Ma i militari intercettarono anche una fiat 126 e una A 112. Ne nacque un inseguimento ma i veicoli riuscirono a defilarsi. La fiat 125 fu ritrovata bruciata. Nella macchina furono ritrovate due pistole calibro 38 e un fucile da caccia. Il caso rimase insoluto fino quando i pentiti non hanno parlato ed il caso è stato riaperto.

A raccontare tutto è stato Luigi Giuliano, ex boss di Forcella, che accusò se stesso di questo omicidio tirando in ballo anche il fratello. Fu il suo primo delitto perpetrato dopo la decisione della “Cupola”. Maisto andava fatto fuori per fare spazio ai fratelli Mallardo i quali avevano anche sete di vendetta per la morte del padre, anche lui assassinato. I Mallardo avevano bisogno di appoggi perché temevano la forza dei Maisto.