Escluso dopo vittoria parlamentarie M5s, parla Zanfardino: “Mi sento come figlio picchiato dal padre senza motivo. Vorrei spiegazione”

Escluso dopo vittoria parlamentarie M5s, parla Zanfardino: “Mi sento come figlio picchiato dal padre senza motivo. Vorrei spiegazione”

Le parlamentarie cinque stelle si sa hanno creato non poche polemiche. Tanti gli esclusi che hanno scoperto di esserlo solo il giorno delle votazioni. Emblematico il caso di Franco Iacolare da Giugliano lasciato fuori pare per alcune segnalazioni al veleno (post di Franco). Ancora peggio però è andata ad un docente da poco residente a Qualiano Angelo Zanfardino. Che è stato il candidato più votato al senato, dopo Paola Nugnes, dal popolo dei click pentastellati ma dopo essere stato con un piede in senato si è ritrovato a casa senza sapere perché. Ad informarlo della sua esclusione sono stati i giornalisti.

Zanfardino spiega di aver incontrato dopo la vittoria alle parlamentarie esponenti del movimento che si sono complimentati per il risultato ottenuto.

A liste chiude, tra gli attivisti c’è chi si chiede perché la ricercatrice del Cnr Mariadomenica Castellone può essere candidata e Zanfardino No, visto che potrebbero essere due profili simili. 

Zanfardino, amareggiato per quanto accaduto, vorrebbe chiedere spiegazioni al capo politico del Movimento Luigi Di Maio.