Sequestrata dalla Finanza una tonnellata di hashish sull’Autostrada, la droga destinata alle piazze di spaccio della provincia a Nord di Napoli: avrebbe fruttato oltre 10 milioni di euro

Sequestrata dalla Finanza una tonnellata di hashish sull’Autostrada, la droga destinata alle piazze di spaccio della provincia a Nord di Napoli: avrebbe fruttato oltre 10 milioni di euro

 

Scoperta e sequestrata una tonnellata di hashish: la droga era destinata alle piazze di spaccio della provincia di Napoli ed avrebbe fruttato oltre dieci milioni di euro. E’ l’esito dell’operazione della guardia di finanza del comando Provinciale di Napoli. E così che le fiamme gialle, durante un’articolata attività investigativa, hanno intercettato alla barriera autostradale di Milano Ovest un tir.

L’automezzo dai documenti risultava trasportare capi d’abbigliamento che erano stati caricati, neanche a dirlo, in Spagna e destinati ad un’azienda lombarda. I militari, certi che quel tir trasportava la droga e insospettiti dal comportamento degli autisti, hanno effettuato un controllo. Hanno fatto scaricare la merce “regolarmente” trasportata e da una minuziosa ispezione del tir, hanno scoperto la presenza di pannelli mobili nel pianale di carico del rimorchio. E proprio al di sotto degli stessi  che è stato rinvenuto l’ingente quantitativo di hashish: 1042 chilogrammi, il tutto confezionato in panetti da un kilogrammo ciascuno.

I due autotrasportatori, due cittadini polacchi ma da tempo residenti al Nord Italia, sono stati arrestati con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Gli inquirenti sono certi: la droga era partita dalla Spagna e la sua destinazione finale era la provincia di Napoli.

Le puntate per l’acquisto della droga, sicuramente, erano state effettuate da più organizzazioni criminali dell’hinterland partenopeo. Clan camorristici che poi si sarebbero suddivisi il ‘prezioso’ carico di stupefacente.