Caso di tubercolosi all’ospedale di Giugliano, trasferito al Cotugno

Caso di tubercolosi all’ospedale di Giugliano, trasferito al Cotugno

AGGIORNAMENTO – Dagli esami effettuati sul paziente è confermata la diagnosi di tubercolosi. L’uomo è stato però trasferito al Cotugno, struttura ospedaliera attrezzata per questi casi di malattie infettive. Al San Giuliano, intanto, si è immediatamente provveduto alla disinfezione degli ambienti.

 

Si sospetta un caso di tubercolosi all’ospedale San Giuliano di Giugliano. Pare che un immigrato sia arrivato al pronto soccorso del nosocomio con i sintomi della malattia infettiva.

I medici stanno effettuando all’uomo tutti gli esami del caso previsti da protocollo per capire se si tratti effettivamente di tubercolosi o altro. Intanto infermieri, medici, guardie giurate, si sono dotati tutti di mascherine per evitare contagio nel caso in cui si confermasse la tubercolosi. La malattia infatti è estremamente pericolosa perché si trasmette proprio per via aerea attraverso goccioline di saliva emesse con la tosse. In genere possono essere portatori di tubercolosi gli animali selvatici.

La terapia per la tubercolosi è lunga e complessa. Un ciclo di cure può durare da 6 a 18-24 mesi a seconda dell’aderenza del paziente alla prescrizione.