Marchi contraffatti e firme taroccate distribuiti nei centri commerciali e venduti come originali

Marchi contraffatti e firme taroccate distribuiti nei centri commerciali e venduti come originali

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha ulteriormente intensificato l’attività di vigilanza nella lotta alla contraffazione in relazione all’approssimarsi delle Festività natalizie, periodo durante il quale il mercato illecito dei prodotti recanti marchi contraffatti (soprattutto capi di abbigliamento ed accessori) registra tradizionalmente un aumento della domanda e dell’offerta.

In tale contesto, i militari del Nucleo Polizia Tributaria Napoli, attraverso una estesa attività di analisi basata su informazioni significative poi riscontrate attraverso un capillare controllo economico-finanziario del territorio interessato, hanno conseguito nel capoluogo campano un importante risultato di servizio, a tutela della buona fede dei consumatori ingannati per effetto delle insidiose condotte poste in essere dall’industria del falso.

E’ stata infatti intercettata una grossa spedizione di prodotti contraffatti appena giunti nel capoluogo partenopeo, con conseguente individuazione del deposito di “stoccaggio” della merce, ubicato nel quartiere della “Maddalena”.

L’intervento repressivo ha consentito di rinvenire e sequestrare un cospicuo quantitativo di capi di abbigliamento ed accessori riportanti i marchi contraffatti delle note griffes: Cavalli, Louis Vuitton, D&G, Fendi, Burberry, Hermes, Hugo Boss, Gucci, Armani, Armani Junior, Ralph Lauren, Harmont & Blaine, Yves Saint Laurent, Hilfiger, Desquared, Chanel, Blumarine, Moschino, Stone Island, Colmar, Liu Jo e Fred Perry, tutti connotati da pregevole fattura, di provenienza ancora ignota

Complessivamente sono stati sequestrati oltre 16.000 capi di vestiario invernale ed accessori. Anche l’immobile, ben occultato ed adibito a deposito clandestino, è stato sottoposto a sequestro preventivo.

L’esame della documentazione rinvenuta durante la perquisizione ha permesso di individuare, altresì, un “Outlet” in Teverola (CE), all’interno del Centro Commerciale “Appia Center”, dove erano esposti – unitamente agli altri capi (“originali”) – circa mille articoli di abbigliamento invernale riportanti i marchi i Ralph Lauren, Burberry, Armani Jeans, Harmont & Blaine, Colmar, Liu Jo e Fred Perry contraffatti.

All’esito dell’intera attività investigativa, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria 4 soggetti di nazionalità italiana, tutti residenti in Napoli, in quanto ritenuti responsabili del commercio di prodotti contraffatti.

Una particolarità degna di menzione è la pregevole fattura con cui sono stati realizzati i capi di abbigliamento in questione: presenza di doppie cuciture ed impiego di materiali costosi lasciano intendere che l’illecita mercanzia doveva soddisfare una clientela sempre 2  più esigente. Destinata al mercato napoletano, qualora giunta a destinazione, essa avrebbe fruttato agli organizzatori del traffico circa mezzo milione di euro. La cifra sarebbe aumentata in maniera esponenziale qualora i prodotti illeciti fossero stati spalmati sull’intera filiera della distribuzione rappresentata da bancarelle, outlet creati in maniera artigianale e stalvolta anche negozi compiacenti.

Infine, da segnalare il rinvenimento – tra i prodotti contraffatti – di un ingente quantitativo di capi di abbigliamento destinati ai più piccoli, riportanti il marchio Armani Junior abilmente taroccato.