Marano, caso di scabbia alla San Rocco. “I nostri figli restano a casa”

Marano, caso di scabbia alla San Rocco. “I nostri figli restano a casa”

Panico a Marano tra i genitori dei bambini che frequentano la scuola elementare San Rocco. Pare infatti che un bambino di sei anni sia andato a scuola affetto da acariasi, patologia meglio conosciuta come scabbia. La notizia ha fatto rapidamente il giro del quartiere e quindi della città, con i genitori che hanno chiesto spiegazioni alla scuola ed hanno preferito lasciare i propri figli a casa.

La preside dell’istituto ha quindi spiegato di aver appreso la vicenda da fonti ufficiose e di aver già allertato l’ASL competente. A quanto pare il bimbo ha già avviato l’attività di profilassi e lunedì mattina tornerà regolarmente in classe. La polemica però non è rientrata, anzi. I genitori infatti credono che la scuola non abbia messo al primo posto la salute dei suoi alunni ma la propria reputazione. Ritengono quindi di non essere stati avvertiti per tempo ed hanno lasciato i loro figli a casa.

La notizia è stata diffusa da una rappresentante di classe, avvertita dalla mamma del piccolo colpito da questa patologia. Il bimbo presentava macchie rosse su tutto il corpo. Da lì la psicosi del contagio è dilagata sui social e ha fatto il giro della città. La scuola ha anche provato a smorzare i toni ricordando che la scabbia è curabile in pochi giorni.