Parete, segnali di speranza dall’ospedale per Luigi. Amici in campo con una dedica sulle maglie

Parete, segnali di speranza dall’ospedale per Luigi. Amici in campo con una dedica sulle maglie

Arrivano piccoli segnali di speranza dall’ospedale per Luigi, il 14enne ferito da un proiettile alla testa alla vigilia dei Natale a Parete. Dopo il ricovero all’ospedale Moscati di Aversa, era stato subito trasferito all’ospedale di Caserta. Dopo l’estrazione del colpo l’adolescente è tenuto in coma farmacologico.

Ora le condizioni restano gravi ma stabili. Secondo quanto trapela dal nosocomio casertano, la febbre è scesa e questo rappresenta un buon segno. La situazione viene comunque monitorata 24 ore su 24. Intanto dopo il gesto dell’Avellino calcio, i compagni di squadra della Frocalcio di Lusciano hanno iniziato l’avventura alla Premier Cup, al cui torneo avrebbe dovuto partecipare anche Luigi: “Andiamo a Roma! Andiamo perché Luigi così avrebbe voluto”. I ragazzi in campo hanno indossato una maglietta in suo onore con il volto del ragazzo. Insieme a lui avevano vinto la fase regionale ed ora affrontano la fase nazionale con il pensiero ovviamente rivolto all’amico il ospedale.

Sul fronte delle indagini si continua invece a lavorare per accertare la dinamica e trovare il responsabile. Un furgone è stato sequestrato dai carabinieri e un altro colpo conficcato nella carrozzeria è da analizzare. Il foro è simile a quelli visibili anche sul cartellone pubblicitario della “Meraglia immobiliare”. Il quadro investigativo presenta ancora diversi punti da chiarire.