Campania, la storia di Oriana: morta a 6 anni sotto gli occhi dei genitori

Campania, la storia di Oriana: morta a 6 anni sotto gli occhi dei genitori

Doveva andare a scuola a Sava. E invece a scuola non è mai arrivata. Se n’è andata così Oriana Portanova, la bimba di 6 anni stroncata da un arresto cardiaco ieri mattina alle sette. La piccola si stava preparando per un altro giorno di prima elementare, in un clima di festa per Natale, quando si è accasciata al suolo sotto gli occhi dei genitori, Michele e Anna.

A dare l’allarme sono stati proprio loro. Mentre Oriana era a terra esanime, mamma e papà hanno chiamato i soccorsi col cuore in gola. Sul posto sono intervenute due ambulanze e non è bastato il tempo infinito in cui i medici hanno tentato, ritentato e ritentato ancora una rianimazione che, purtroppo, non è servita a nulla. La bimba se n’era già andata davanti ai due genitori, entrambi sotto choc.

Originari di Pellezzano, Michele Portanova e Anna Rizzo, una volta sposati, si sono trasferiti a Baronissi dove risiedevano ormai da sette anni e dove hanno visto crescere il loro nucleo familiare con l’arrivo di Oriana. La piccola per tre anni aveva frequentato la scuola dell’infanzia di Parco Olimpia. A settembre, invece, aveva iniziato la prima elementare a Sava. Nessuno poteva immaginare che il destino le stava serbando una vita così breve. Ieri mattina la straziante notizia ha raggiunto la comunità di Baronissi e quella di Pellezzano, dove vivono i nonni della bambina.

Il sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante ha comunicato l’annullamento di tutti gli eventi natalizi (di ieri e di oggi) in segno di lutto ed il Comune ha espresso il profondo senso di cordoglio dell’intera città attraverso un manifesto. Intanto le esequie si sono tenute questa mattina nella chiesa di S.Agnese a Sava, poi la piccola è stata tumulata nel cimitero di Coperchia a Pellezzano.