Napoli, “hanno arrestato mio fratello?”. Va in Questura e arrestano anche lui. I NOMI

Napoli, “hanno arrestato mio fratello?”. Va in Questura e arrestano anche lui. I NOMI

Gli agenti della V sezione della Squadra hanno arrestato uno dopo l’altro due fratelli, entrambi spacciatori ma in due circostanze differenti. Poco dopo le 01.00 della notte appena trascorsa, i poliziotti, hanno notato in Via Arenaccia, due uomini, Pasquale Sepe, 23 anni, e Giovanni Brugioni 25anni, entrambi napoletani a bordo di un’autovettura, un Fiat Panda, insospettiti dal loro atteggiamento, li hanno sottoposti a controllo. I due avevano due dosi di cocaina ed euro 110,00 in contanti, il tutto sottoposto a sequestro, entrambi sono stati arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e l’auto sottoposta a sequestro.

Poco dopo è stata la volta di Antonio Sepe, 22anni napoletano, il giovane è stato bloccato da altri poliziotti sempre della V sezione all’ingresso della Questura in Via Medina, dove si era recato per il fratello che era stato da poco arrestato. Il giovane 22enne era riuscito a scappare mezz’ora prima, quando era stato intercettato dai poliziotti, in Via Casanova mentre consegnava della cocaina a un’acquirente. I poliziotti, lo avevano notato a bordo dello stesso scooter ora parcheggiato in via Medina, un Honda SH, mentre consegnava la droga a una persona  alla guida di una mercedes.

Il 22enne accortosi della Polizia era scappato facendo perdere le sue tracce, mentre i poliziotti erano riusciti a bloccare l’acquirente e a sequestrare le due dosi di cocaina che aveva appena ricevuto. I poliziotti, stavano rientrando in ufficio, quando sono stati avvicinati proprio dal fuggitivo che chiedeva informazioni del fratello. Gli agenti l’hanno immediatamente arrestato per il reato di spaccio di sostanza stupefacente e sottoposto a sequestrato lo scooter.