Bracconieri in azione nel casertano: sequestrati fucili e richiami illegali

Bracconieri in azione nel casertano: sequestrati fucili e richiami illegali

Quattro persone sono state denunciate per esercizio della caccia con mezzi non consentiti, tra i comuni di Grazzanise e Castel Volturno, in provincia di Caserta. I Militari. appartenenti alla Sezione Operativa Antibracconaggio di Roma, unitamente ai Carabinieri Forestali appartenenti alle Stazioni di Pietramelara e di Roccamonfina, hanno svolto in queste ore delle operazioni di contrasto al fenomeno del bracconaggio in provincia di Caserta.

In particolare sono state individuate le seguenti persone: A.G. di anni 53 da Napoli alla località Brezza del comune di Grazzanise; ed altre tre in comune di Castel Volturno: M.C. di anni 58 da Frignano (CE); G.C. di anni 60 da Parete (CE) e C.D. di anni 62 da Casal di Principe (CE).

Tutti i soggetti sono stati sorpresi in atteggiamento di caccia all’interno di appostamenti fissi dislocati in prospicienza di bacini artificiali con l’utilizzo di richiami acustici a funzionamento elettromagnetico riproducenti i versi dell’avifauna acquatica migratoria da abbattere.

A carico dei predetti soggetti si è proceduto al sequestro probatorio dei fucili da caccia, del relativo munizionamento, dei richiami acustici elettromagnetici e dell’avifauna abbattuta, nonché si è provveduto a deferirli all’Autorità Giudiziaria per aver integrato con le loro condotte il reato di esercizio di caccia con mezzi non consentiti.