Afragola, l’atroce morte di Genny: spiegata la probabile dinamica dell’incidente

Afragola, l’atroce morte di Genny: spiegata la probabile dinamica dell’incidente

AFRAGOLA. Una poltrona con la chiusura a scatto e un movimento brusco. Questa la dinamica che ha causato la morte probabilmente per soffocamento di Genny G., un bimbo di 18 mesi ad Afragola. 

La tragedia in un appartamento di via del Rosario, nel centro storico di Afragola. Il piccolo è rimasto intrappolato nella poltrona, schiacciato dal poggiatesta, una di quelle con la chiusura a scatto: probabilmente una manovra brusca del bimbo ne ha azionato la chiusura. Il piccolo Genny sarebbe rimasto intrappolato dai cuscini che così stretti sul suo viso lo hanno soffocato.

Il piccolo viveva con la mamma, una ragazza madre di 22 anni e la nonna. Quando improvvisamente non hanno visto più il bimbo girovagare in casa si sono allertate e giunte nella stanza hanno visto la terribile scena. Quando lo hanno trovato, Genny era già agonizzate. Immediatamente hanno chiamato i soccorsi, ma poi le due donne hanno pensato di trasportare loro il piccolo alla Villa dei fiori di Acerra. Lì per diversi minuti i medici hanno tentato di rianimarlo ma il piccolo era già giunto in gravissime condizioni. Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia di casoria. La salma è stata sottoposta a sequestro.