Black Tiger, esibizione di Taekwondo a Varcaturo

Black Tiger, esibizione di Taekwondo a Varcaturo

Il taekwondo è un’ antica arte marziale di origine coreana, è uno sport da combattimento a contatto pieno nato fra gli anni ’50 e ’60 (nonché sport nazionale in Corea del Sud). Si basa principalmente sull’uso di tecniche di calcio, nonché l’arte marziale che conta il maggior numero di praticanti in tutto il mondo. Combina tecniche di combattimento volte alla difesa personale, alla pratica agonistica soprattutto come sport olimpico, ma anche come esercizio ed in alcuni casi filosofia e meditazione. E’ divenuta sport olimpico e grazie al suo evolutissimo programma atletico è particolarmente adatta a sviluppare e potenziare le capacità motorie dei giovani. Sotto l’attenta guida del maestro Luigi D’ORIANO, prima giocando e poi gareggiando tra loro, i bambini e i ragazzi imparano:

  • LE PROPRIE POTENZIALITA’ FISICHE, ossia come gestire quella straordinaria macchina che è il corpo umano;
  • IL CONFRONTO CON I COETANEI, quindi a socializzare e soprattutto rispettare gli altri;
  • I PRINCIPI E LE REGOLE DELLO SPORT, quale sana abitudine di vita;
  • L’AUTODIFESA, per proteggersi da triste fenomeno del bullismo dilagante

La A.S.D. Sport Planet di Varcaturo di Via Madonna del Pantano nr. 116 (adiacente scuola Bimbo Planet), è lieta di presentare il giorno martedì 3 febbraio 2015 alle ore 18.00 l’esibizione gratuita degli allievi del maestro di taekwondo Luigi D’ORIANO.

Il maestro Luigi D’Oriano inizia a praticare Taekwondo nel 1973, sotto la guida del Maestro Young Ghil Park. Per anni dominatore incontrastato del palcoscenico agonistico italiano ed europeo, nella categoria -78 kg, ha conquistato, a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80, 10 medaglie d’oro ai Campionati Italiani di combattimento, 2 medaglie di bronzo ai Campionati Europei, 2 medaglie di bronzo ai Campionati Mondiali, 2 medaglie d’oro ai Campionati Internazionali. Nel 1988 infine, chiude la sua scintillante carriera conquistando la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul, seppur non annoverata nel computo ufficiale del medagliere in quanto la disciplina era ancora dimostrativa. Dopo il ritiro dall’attività agonistica, ha intrapreso la carriera di Maestro, acquisendo anche in questo campo risultati di notevole prestigio, riuscendo a creare una scuola di campioni che ha conseguito grandi risultati in campo nazionale ed internazionale. È stato inoltre Allenatore Nazionale per la Federazione Italiana Taekwondo dal 1989 al 1992 e dal 2001 al 2004 e Direttore Tecnico Regionale per la Campania dal 1989 al 1995 e dal 1998 al 2004.