Napoli. Rapina sfocia in violenza, turista picchiato e poi derubato sul treno. L’amico si sfoga su facebook

Napoli. Rapina sfocia in violenza, turista picchiato e poi derubato sul treno. L’amico si sfoga su facebook

Ennesima rapina a Napoli. L’episodio è accaduto in treno, precisamente all’interno della Vesuviana a Gianturco. Un turista è stato accerchiato da due malviventi, che hanno iniziato a provocarlo con qualche spintone, fino a colpirlo dritto in faccia, portandogli via il cellulare che aveva con sé.

Il turista era giunto, insieme ad un suo amico, a Napoli per visitare la città e mai si sarebbe aspettato che quel viaggio si sarebbe trasformato in un incubo. A raccontare la triste storia il giornalista Giampaolo Longo, amico di uno dei due turisti romani a cui è capitata la sventura.

“Succede qui, succede ovunque, la città dell’amore, la città dell’energia, la classica del Sole 24Ore, i processi sommari a mezzo stampa verso la città, la fierezza tronfia di De Magistris: sembra tutto un ottuso ronzio”- scrive Longo in un post pubblicato su facebook, poi prosegue – “L’unica cosa normale in questa città squilibrata e tutta di eccessi sono i carabinieri: grazie a loro riprendi fiato”. Parole forti, che getta nello sconforto chi le ha scritte e che subito ha attirato l’attenzione di molti utenti, sino a fare il giro del web. “Roma non è meglio”, ha ribattuto qualcuno sotto al post.

Intanto i tre si sono recati in caserma dove hanno sporto denuncia e raccontato ai militari quello che gli era appena successo. “Forse più tardi quando finiremo con la denuncia, dovremmo anche passare al pronto soccorso perché al mio amico il labbro fa male. Ma ho vergogna a scoperchiare, di sabato sera, quest’altra rogna di disorganizzazione”, ha concluso il giornalista.