Alessandra Madonna, la verità dall’autopsia: trascinata o investita?

Alessandra Madonna, la verità dall’autopsia: trascinata o investita?

Alessandra Madonna è morta da circa due mesi ma restano ancora punti oscuri nella vicenda. La 24enne ballerina di Melito è morta dopo l’ultima lite col suo ex Giuseppe Varriale, in via Cesare Pavese a Mugnano. Troppo gravi le lesioni riportate per la ragazza, i medici dell’ospedale San Giuliano di Giugliano dichiararono il decesso alcune ore dopo il ricovero nella notte.

I familiari della vittima l’hanno ripetuto più volte: “L’ha uccisa lui”. Il giovane ha sempre spiegato però che si è trattato di un incidente: dopo la discussione la ragazza sarebbe rimasta aggrappata all’auto, una Range Rover. La svolta decisiva, mentre Varriale è attualmente ai domiciliari con l’accusa di omicidio volontario, potrebbe arrivare solo dall’autopsia. I risultati dell’importante esame, però, non sono ancora noti. La verità – per stabilire le eventuali responsabilità dell’ex – dovrebbe conoscersi tra un mese.

L’ultima ricostruzione della vicenda vede la giovane morta non perché trascinata dalla vettura (non aveva graffi sulle gambe), ma per schiacciamento toracico. L’ipotesi è che sia stata investita.