L’ultima vittoria il 23 settembre, è crisi nera per il Giugliano

L’ultima vittoria il 23 settembre, è crisi nera per il Giugliano

Prosegue il tabù al Vallefuoco per il Giugliano che tra le mura amiche proprio non riesce a sbloccarsi e racimola un’altra sconfitta per mano di una delle squadre più forti del torneo, il Casoria. Il campo di casa è stregato e sono ormai mesi che non ha il piacere di vedere i propri beniamini vincere. Per la verità anche in trasferta stenta il Giugliano ultimamente e sono ormai 8 le partite senza vittoria, da quel Monte di Procida-Giugliano del lontano 23 settembre. Due mesi tondi tondi per un buio che sembra non voler passare mai.

La partita con i viola ha detto ancora una volta che il Giugliano al netto delle prestazioni sottotono ha dei crediti evidenti con la fortuna: fuori Eligibile per squalifica, Castaldo, Maisto e Aprile per infortunio e con Caiazza rientrato in emergenza ma senza i 90′ sulle gambe, ha dovuto arrangiare la linea con Pirozzi ed Enea Coppola, un centrocampista puro che si è sacrificato in difesa.

 

Comincia subito forte il Casoria ed al 5′ è Pirozzi a salvare il risultato, mentre al 20′ ci ha pensato super Navarra a mettere in angolo. Primo tempo a senso unico che ha portato la squadra viola in vantaggio al 39′, l’1-0 di Simonetti su calcio d’angolo che ha poi fissato il risultato finale è il coronamento di un ritmo alto degli ospiti che solo degli interventi del super portiere Navarra hanno tenuto a galla i tigrotti.

Secondo tempo a senso unico per il Giugliano invece, che avrebbe meritato il pareggio che però non arriva. Tra 10 giorni si riapre il mercato per i dilettanti, e probabilmente comincerà un nuovo campionato per i colori gialloblù.