Allarme sicurezza stradale, due vittime in meno di un mese. Video

Allarme sicurezza stradale, due vittime in meno di un mese. Video

Allarme sicurezza stradale sul comprensorio. Nelle ultime settimane diverse sono state le vittime tra i pedoni in seguito ad incidenti stradali.Le strade più a rischio e soggette a questi avvenimenti sono quelle periferiche. Dalla fascia costiera fino a Casacelle,  Nella zona del litorale ricordiamo alcune vittime: Luca Alesio travolto con la sua bici in via Madonna del Pantano, Fabio Fedele investito da un auto in sorpasso mentre attraversava via Domitiana e ultimo spiacevole avvenimento quello che ha visto come vittima un malcapitato 39enne di Giugliano investito da un motorino lo scorso 10 gennaio in via Casacelle.

Tra le cause di questi tragici incidenti sicuramente una condizione dissestata delle strade, la mancanza di marciapiedi riservati ai pedoni e la scarsa visibilità dovuta a un’illuminazione inadeguata. Ma vanno considerati in funzione di queste cause altri importanti fattori: la velocità degli automobilisti e la conseguente violazione del codice stradale. Chi è alla guida, infatti, pare trascurare la salvaguardia della propria incolumità e quella dei cittadini che camminano per strada.

Più di recente nella notte tra sabato 10 e domenica 11 gennaio altro episodio raccapricciante, a Qualiano un automobilista perde il controllo e si schianta contro la saracinesca dell’ottica Parisi, erano le 4 del mattino circa e a quell’ora è raro vedere passeggiare qualcuno per strada, ma in ogni caso l’episodio, causa probabilmente di un colpo di sonno, poteva trasformarsi in tragedia.

In seguito a questi avvenimenti, i cittadini chiedono a gran voce, soprattutto nelle zone periferiche, una maggiore cura da parte delle amministrazioni della manutenzione stradale, un’adeguamento dell’illuminazione, rispetto delle regole da parte degli automobilisti, i quali dovrebbero riflettere sul concetto di responsabilità alla guida e sul fatto che l’automobile se non utilizzata a dovere, può diventare un’arma.