Caos Pd, primarie a rischio

Caos Pd, primarie a rischio

Oramai nel Pd regna il caos. Le primarie regionali vengono messe in discussione un giorno sì e l’altro pure. La competizione dovrebbe svolgersi il prossimo primo febbraio ma c’è già pronto un documento sponsorizzato da molti big del partito da Topo a Peppe Russo che vorrebbero archiviarle e mettere in campo un candidato unitario: Gennaro Migliore. Tutto questo mentre De Luca e Cozzolino continuano la campagna elettorale. Veniamo alle regole. Interpretando lo statuto del Pd pare sia possibile bloccare la competizione in corso raggiungendo il 60% dei componenti dell’assemblea regionale. Su questo lavorano ormai da mesi in molti nel Pd. Ma questa maggioranza non c’è. Perché Casillo non vuole abbandonare il Sindaco di Salerno e sta resistendo anche a pressioni romane. Tutto dovrebbe essere deciso nei prossimi giorni ma gran parte della base del partito sta vivendo molto male questa querelle tutta frutto dei precari equilibri tra i capibastione di Napoli e Provincia. Una situazione ancora una volta anomala che dopo il disastro delle primarie per il comune di napoli rischia di far crollare in Campania il colosso democratico tutto a vantaggio di Stefano Caldoro.