Castellammare, rapina “sfortunata”: deruba tabaccheria ma incontra carabiniere e poliziotti

Castellammare, rapina “sfortunata”: deruba tabaccheria ma incontra carabiniere e poliziotti

Rapina una tabaccheria e fugge, ma incontra sulla strada prima un carabiniere e poi due poliziotti. Nel tardo pomeriggio di ieri i poliziotti del commissariato di Castellammare di Stabia hanno arrestato D’Antuono Luigi, stabiese di anni 49, il quale in concorso con altro soggetto, attualmente ignoto, si è reso responsabile di rapina aggravata.

Durante un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati in genere, gli agenti hanno ricevuto una segnalazione dalla locale centrale relativa ad una rapina in atto, in un esercizio commerciale nel centro cittadino. Giunti nei pressi dell’esercizio l’attenzione dei poliziotti è stata attirata da due persone a terra ed una delle due bloccava l’altra.

La persona bloccata era il rapinatore, che aveva avuto la “sfortuna” di incrociare, nella sua fuga, un carabiniere libero dal servizio che, sebbene avesse un’arma tra le mani, lo ha bloccato e disarmato. L’arrivo dei poliziotti ha ripristinato la calma, stemperando la concitazione che aveva coinvolto le vittime e gli astanti. Identificavano il D’Antonio, lo perquisivano e rinvenivano la pistola che risultava essere un’arma giocattolo sprovvista di tappo rosso, del denaro ed un portafoglio.

Ai poliziotti si sono avvicinati una coppia di cittadini tedeschi e due cittadini italiani, i quali riferivano di essere stati rapinati dal D’Antonio all’interno della tabaccheria; i cittadini tedeschi lamentavano la sottrazione di 114euro e due carte di credito contenute nel portafoglio, mentre la titolare dell’esercizio commerciale la somma di 400 euro. Il D’Antonio veniva, pertanto, arrestato per rapina aggravata e, l’Autorità Giudiziaria ne disponeva l’accompagnato presso la casa circondariale di Poggioreale.