Da Alfiere a Pedone sacrificabile, ora su Inler c’è il Besiktas

Da Alfiere a Pedone sacrificabile, ora su Inler c’è il Besiktas

Un corpo avulso dallo scacchiere di Rafa Benitez. Doveva essere l’alfiere del tecnico, quello da plasmare, quello che con le sue diagonali riusciva a mettere sotto scacco le difese avversarie, purtroppo invece si è rivelato solo un pedone, utilissimo, ma sacrificabile. Gokhan Inler è un atleta, professionista ed uomo esemplare. Uno da prendere ad esempio, però, forse, la piazza partenopea non fa per lui. Non è un turco napoletano, è molto più svizzero di quanto sembri. Memorabili alcune sue giocate, alcuni suoi gol, ma è evidente che Benitez non si fidi del ragazzo che alla soglia dei 30 anni deve dare una svolta alla propria carriera ed andar via, poi tutto tranquillo, amici come prima. Col tempo il dolore si affievolisce ed i tifosi ricorderanno solo le cose belle, come i gol al Milan, come i suoi tiri imparabili.

Su di lui ci punterebbe fortissimo il Besiktas e secondo la stampa turca, per convincere il ragazzo, a Napoli starebbe arrivando addirittura Rebecca Wood, la presidentessa della squadra bianconera  che vorrebbe incontrare prima l’entourage, poi direttamente Inler, con Bigon e De Laurentiis. Le cifre si aggirano intorno ai 10 milioni e l’affare sembra complicato anche perché, volente o nolente, Inler è utile alla causa azzurra. Se entro gennaio si trova un sostituto adeguato, allora le due parti possono incontrarsi, altrimenti tutto sarà rimandato alla sessione estiva di mercato.