Campania, sale sul bus per palpeggiare una ragazzina: arrestato maniaco

Campania, sale sul bus per palpeggiare una ragazzina: arrestato maniaco

Molestata e palpeggiata sul bus, davanti ai passeggeri che non si sono accorti di nulla. Solo uno, però, si è accorto dell’episodio: ha chiamato il 113 ed ha comunicato quello che stava accadendo davanti ai suoi occhi.

La dinamica. Erano circa le 16 quando due ragazze quindicenni salgono a bordo di un bus di Busitalia che, all’ora di punta, non ci si muove per quanto sia affollato. Accanto alle due ragazze, si avvicinano due giovani di nazionalità macedone. Durante il tragitto, però, uno dei due inizia a palpeggiare la 15enne.

Come riferisce Salerno Today, l’adolescente, infastidita, si sposta di qualche centimetro, ma la sua azione risulta inutile: l’uomo continua a molestarla, spingendosi anche oltre. L’increscioso episodio viene notato da un passeggero che digita sul suo cellulare il numero 113 e comunica la scena alla quale stava assistendo al centralinista.

Intanto il bus arriva a Mercatello dove le due ragazze scendono insieme ai due cittadini stranieri, che vengono  bloccati da una volante della polizia. Alla vista degli agenti il molestatore tenta invano la fuga: il giovane viene bloccato dai poliziotti, ammanettato e condotto in questura.

L’accusa. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, sotto forma di molestie, nei confronti di una minorenne. Inoltre sono emersi numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, furto aggravato, rapina e ricettazione; vari reati di evasione dagli arresti domiciliari e la misura di sicurezza della libertà vigilata a cui risulta attualmente sottoposto. Attualmente il 33enne è rinchiuso nella casa circondariale di Fuorni.