Napoli, le urinano addosso e la riempiono di botte. La storia choc di Tiziana

Napoli, le urinano addosso e la riempiono di botte. La storia choc di Tiziana

Una storia atroce, di sevizie e torture. Vittima una donna senzatetto, Tiziana, 40 anni, conosciuta da tutti i residenti e i commercianti della Galleria Umberto I. Una baby-gang l’ha presa di mira.

“I ragazzini arrivano la notte dai Quartieri Spagnoli, mi riempiono di botte, a volte mi urinano e perfino defecano addosso per poi abbandonarmi”. Una volta la donna, che è di corporatura minuta, è stata sollevata di peso dal branco e gettata nella vicina fontana di piazza Trieste e Trento. Con il volto gonfio dalle ultime percosse ricevute, Tiziana ha chiesto aiuto ai passanti: “Portatemi via da qui, in qualunque posto. Non voglio stare più qui”.

Rattrista leggere la notizia di Tiziana, la donna senza tetto presa di mira dalle baby gang: il suo caso è seguito già da molti mesi dalle assistenti sociali del territorio, intervenute in più occasioni per offrirle aiuto e supporto. L’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, Roberta Gaeta, conferma che l’amministrazione sarà vicina alla clochard: “Purtroppo ha sempre rifiutato il nostro intervento ed ogni soluzione proposta, ma siamo pronti ad intervenire qualora abbia deciso di accettare l’aiuto”.