Via Domitiana: strada maledetta, l’indignazione della fascia costiera

Via Domitiana: strada maledetta, l’indignazione della fascia costiera

Ancora una tragica morte su una strada troppo spesso palcoscenico di incidenti.  Fabio è solo l’ultima vittima di via Domitiana. Proprio in quel tratto quest’estate una giovane ragazza perse la vita mentre era a bordo di uno scooter col fidanzato. Una strada buia, piena di buche, senza apposite segnaletiche e pericolosa. E’ allarme tra i cittadini della fascia costiera. Solo lo scorso 29 dicembre il ciclista Luca Alessio ha perso la vita investito da un’auto pirata sempre in zona costiera. Queste  sono solo le ultime vittime di una via maledetta, una via che sta strappando la vita a troppe persone, sopratutto giovani. Sul web è partito il tam tam di commenti e post d’indignazione. “Siamo stanchi, mentre al centro di Giugliano si costruiscono fontane qui, sul litorale, mancano gli strumenti base per la sicurezza”. Parole amare che sono come macigni.

Sembra quasi impossibile che sia accaduto ancora. Un dolore troppo grande per un territorio che cerca in tutti i modi di migliorarsi, ma che purtroppo  continua a piangere per una morte assurda