Caos ticket: in provincia biglietti più cari per un servizio carente

Caos ticket: in provincia biglietti più cari per un servizio carente

Una sola corsa su una sola linea 1 euro. Il biglietto orario, ovvero quello di 90 minuti aumenta di 0,20 centesimi. Così come aumenta il biglietto giornaliero, il biglietto settimanale, il mensile e l’annuale. Questo solo per la città di Napoli e quindi per coloro che usufruiscono dalla provincia della linea 1 prendendola da Piscinola o da Chiaiano dopo aver parcheggiato la macchina.

 

 

Per chi dipende invece solo ed unicamente dai mezzi pubblici e deve partire dalla Provincia le opzioni cambiato ancora. Mugnano è l’unico comune che a ridosso di Napoli fondamentalmente si salva. Solo, e diciamo solo, 1,50 la corsa. Il biglietto orario integrato, quindi con la possibilità di incrociare mezzi ben 2 euro.  E così via per le altre opzioni. Ma veniamo alle dolenti note. Tutti gli altri Comuni dell’area nord. Calvizzano, Giugliano, Marano, Villaricca.

 

 

La singola corsa bus costa due euro. Il biglietto integrato che prima costava 2,30 costa adesso 2,50. Aumentati anche gli abbonamenti. A questo punto il caos è servito. Dal primo gennaio i vecchi biglietti non sono più utilizzabili, i nuovi non si trovano, le obliteratrici non convalidano i varchi sono aperti e il disastro trasporti è servito. A pagare il prezzo più altro come sempre la provincia che nonostante sia mal servita da pochissimi pullman deve sempre sborsare la maggiore cifra.