Maltrattamenti e botte: in manette una maestra di 64 anni

Maltrattamenti e botte: in manette una maestra di 64 anni

È stata arrestata in flagranza di reato la maestra 64enne accusata di aver maltrattato alcuni suoi allievi di quinta elementare a Pescara, in Abruzzo. La donna aveva instaurato in classe un vero e proprio clima di terrore.

Da quanto emerso l’insegnante non esitava ad utilizzare pizzicotti e tirate di capelli contro chiunque osasse trasgredire ad un suo comando, accompagnando spesso questi gesti violenti con urla. Le percosse nei confronti di questi piccoli di appena dieci anni erano praticamente quotidiane. Ora è stata ristretta ai domiciliari.

L’ultimo episodio si è verificato giovedì ed è stato talmente eclatante da far scattare subito l’arresto. La donna, controllata tramite una telecamera installata in classe, è stata vista strattonare una bambina. Subito sono intervenuti tre Carabinieri in borghese ed hanno invitato l’insegnante a seguirli. Le indagini e gli accertamenti sono ancora in corso per chiarire se questi rigidi metodi educativi venivano attuati anche in altre classi.