Grosso rogo tossico a Villa Literno, arrestata una donna

Grosso rogo tossico a Villa Literno, arrestata una donna

Maxi rogo tossico nel Casertano, in manette una donna. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casal di Principe, in via Porchiera a Villa Literno, hanno proceduto all’arresto, in flagranza di reato per combustione illecita di rifiuti, della cittadina nigeriana Iyekeoretin Grace, classe 1976, domiciliata in Villa Literno.

I militari dell’Arma, nel corso di un servizio volto ad infrenare la commissione di reati ambientali, specie legati all’accensione di roghi tossici, hanno notato una nube di fumo nero, poi scoperto essere originata dalla combustione di scarti di calzature, teli in plastica, pneumatici, elettrodomestici e cumoli di rifiuti di ogni genere. Sul posto hanno subito bloccato la nigeriana, ancora intenta ad alimentare il rogo. La donna, alla vista dei militari ha cercato inutilmente di scappare. Le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco di Mondragone, tempestivamente giunti sul posto. Iyekeoretin Grace è stata sottoposta agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicata con rito direttissimo.