Agro aversano, scoperto opificio di calzature abusivo in un garage. Denunciato titolare di Trentola

Agro aversano, scoperto opificio di calzature abusivo in un garage. Denunciato titolare di Trentola

Scoperto opificio clandestino di calzature dalla Guardia di Finanza di Aversa. La fabbrica si nascondeva presso un garage videosorvegliato sito in Frignano, completamente sconosciuto al fisco ed operante nel disprezzo delle prescritte normative ambientali e di sicurezza, dove sono stati sopresi al lavoro ben 9 addetti completamente in nero.

I finanzieri, oltre a denunciare il responsabile, un cinquantenne di Trentola Ducenta, hanno quindi posto sotto sequestro l’intera fabbrica clandestina, un ampio locale di circa 300 mq dove erano stati approntati ben 34 macchinari industriali che emettevano gas nocivi all’ambiente. Inoltre, all’interno dello stabile sono stati rinvenuti e sequestrati 300 chili di rifiuti speciali pronti per l’illecito smaltimento e diverse taniche contenenti colle e solventi altamente tossici che, utilizzati per l’assemblaggio delle calzature senza un adeguato sistema di aerazione, costituivano un grave pericolo sia per la salute dei lavoratori che dei cittadini residenti nelle immediate adiacenze.

L’attività svolta si colloca nell’ambito di un’assidua attività di controllo del territorio per la repressione degli illeciti in materia ambientale, a tutela di tutto il territorio dell’Agro Aversano. Nelle ultime settimane, infatti, i finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa hanno posto sotto sequestro, per le medesime violazioni, un’altra fabbrica operante nello stesso settore e un intero cantiere edile, all’interno del quale venivano illegalmente smaltiti rifiuti derivanti da attività di demolizione e costruzione, utilizzati come materiale di riempimento per interrare le fondamenta dell’edificio in costruzione.