Cantone in esclusiva a Club Napoli: “Mai rispondere ai cori razzisti con la violenza”

Cantone in esclusiva a Club Napoli: “Mai rispondere ai cori razzisti con la violenza”

Il giudice Raffaele Cantone ha parlato in esclusiva ai microfoni di TeleclubItalia durante la puntata di Club Napoli All News sui cori razzisti: “I cori sono una manifestazione di imbecillità. Gente che va allo stadio e pensa tutt’altro che al calcio e non fa bene a questo sport. L’atteggiamento provocatorio dei tifosi avversari è però assurdo. Fanno cori anche quando non gioca la squadra partenopea e questo provoca i tifosi. Napoletani? Rispondere pan per focaccia non è la medicina giusta. Io ho parlato con un amico che è andato a Torino giorni fa e mi ha detto che si è vergognato di essere napoletano. Il tema che deve essere affrontato è che queste tifoserie stanno minando la regolarità del campionato perché portano a vivere una crisi del tifo. Questi imbecilli stanno rischiando di abbandonare le famiglie e i ragazzini dagli stadi. Stadio? Non sono zona franca. C’è un problema a monte: ogni questione di ordine pubblico viene ributtata sulle forze dell’ordine. In Inghilterra c’erano problemi molto più gravi che in Italia ma noi chi abbiamo come steward? Sono dei ragazzini senza professionalità che vengono pagati 30-40 euro. Dobbiamo capire chi sono questi personaggi. C’è anche un problema delle società che non sanno affrontare il problema. Juventus? Dire che la partita contro la Juve è stata persa per colpa dell’arbitro è un’affermazione sbagliata. L’arbitro ha certamente inciso perché dare un gol non valido dopo due minuti è certamente grave. Il problema vero è che questa squadra non sta dimostrando di essere molto matura e completa come si diceva dall’inizio. C’è bisogno di un difensore e di un altro attaccante. La partita con la Juve ha dimostrato che forse la squadra è stata sopravvalutata. Iniziativa Juve? Bellissima. Aprire le porte chiuse ai bambini è un’iniziativa lodevole. Bravo anche a De Laurentiis quando abbassa i biglietti per far andare anche le persone normali allo stadio e godere dello spettacolo.

Nocerina? Ma perché doveva essere fatta a porte chiuse penalizzando anche i tifosi della Salernitana? La prefettura di Salerno aveva chiesto di mettere Salernitana e Nocerina in due gironi diversi avendo notato il problema solo che la Lega ha completamente ignorato questa richiesta. In Italia c’è qualcuno che paga quando qualcuno fa errori clamorosi?”