Marano, impianti sportivi: finanziamenti mai utilizzati e opportunità non sfruttate

Marano, impianti sportivi: finanziamenti mai utilizzati e opportunità non sfruttate

Contributi per la realizzazione di impianti sportivi e fondi, già assegnati, per l’ampliamento dello stadio comunale. Il Credito sportivo ha di recente emanato un bando per la richiesta di contributi (in conto interessi sui mutui agevolati) per la realizzazione di strutture sportive, destinate ai comuni con più di 50 mila abitanti. Sono tanti, tantissimi i comuni che hanno già aderito e Marano non rientrerebbe in questa lista. I progetti per i relativi contributi dovevano già essere presentati o dovrebbero essere presentati a strettissimo giro. Sono pochissime le caselle, gli spazi ancora a disposizione.

Per quel che concerne le risorse economiche già assegnate, è tutto ancora in alto mare per gli 800 mila euro concessi al Comune di Marano dal ministero delle Politiche giovanili (anni 2007-2008). Fondi per la realizzazione di una seconda tribuna dello stadio comunale, una sala conferenze, un campo da calcio non regolamentare (utilizzabile per gli allenamenti e per non rovinare il manto erboso) alle spalle della dimora del custode comunale e, soprattutto, per l’aumento del numero delle corsie (da sei a otto) della pista d’atletica.

Importanti interventi di restyling, insomma, che sarebbero dovuti partire nella primavera del 2009 ma poi arenatisi per una serie di intoppi tecnico-burocratici: il Comune, che per ottenere i due finanziamenti avrebbe dovuto accendere un mutuo presso la Cassa depositi e prestiti (in realtà si tratta di una partita di giro, poiché sono gli erogatori dei finanziamenti a coprire il mutuo), ha deve fare i conti con le ridotte capacità di indebitamento dell’Ente e con i vincoli dettati da una condizione finanziaria che non è certo delle più rosee.