Refezione scolastica: L’assessore D’Ambra risponde a Sel

Refezione scolastica: L’assessore D’Ambra risponde a Sel

“Le accuse di SEL in merito alla refezione scolastica a Marano, diffuse mediante un manifesto, sono ridicole, gratuite e strumentali. Un mezzo per speculare e fare politica sui bisogni reali dei bambini. Gli attivisti politici di SEL conoscono bene le procedure di gara per assicurare il servizio di refezione scolastica, ma fanno finta di non conoscere i ritardi e le inefficienze dalla SUA, la Stazione Unica Appaltante, che da ben due anni non riesce a concludere una gara. Sono un pediatra e conosco bene le dinamiche della scuola dell’infanzia, compreso la necessità della refezione con l’inizio dell’anno scolastico.

E’ per questo che l’Amministrazione Comunale si è attivata sollecitando la SUA a concludere la gara e considerata l’urgenza, in data 29 ottobre 2014 la Giunta Comunale ha potuto deliberare l’atto di indirizzo con cui si affidava al Dirigente dell’Area Amministrativa il compito di provvedere alla predisposizione di tutti gli atti necessari (gara interna riservata alle ditte che avevano partecipato alla gara della SUA) al fine di assicurare in modo rapido e comunque nel rispetto delle regole il servizio di refezione scolastica. La gara è stata espletata il giorno 19 Novembre 2014. Attualmente sono in corso le procedure di verifica sulla ditta vincitrice.

Sono tranquillo e sereno, determinato a fare sempre meglio nell’interesse dei cittadini che sono i veri giudici della nostra azione politica e non mi spaventa il giudizio di un piccolo partito che non è rappresentato nemmeno in Consiglio Comunale. La mia azione è in sintonia con la Rete dei Genitori che ha seguito tutto il percorso fatto dall’Amministrazione Comunale. Questa è la verità, questi sono i fatti, chi accusa ingiustamente alimenta solo chiacchiere politiche che non hanno riscontro nella realtà”.